Distruggi Odori, Inquinanti e Microbi con la Filtrazione Fotocatalitica

Filtri fotocatalitici Depurex: la tua arma segreta contro l'inquinamento

Dal 2011 Depurex si è focalizzata sulla filtrazione fotocatalitica attivata dal biossido di titanio.

Questa tecnologia garantisce alti livelli di purificazione per un’ampia gamma di inquinanti e può anche fornire un effetto igienizzante grazie all’uso dei raggi UVC.

Abbattimento odori, purificazione dagli inquinanti composti organici volatili e sanificazione battericida: in un unico dispositivo filtrante.

Il carbone attivo trattiene gli inquinanti dando il tempo alla fotocatalisi di distruggerli, scomponendoli. Il carbone attivo viene così ripulito aumentando la durata del filtro.

Vantaggi della filtrazione al biossido di titanio:

  • Efficacia: Può rimuovere una vasta gamma di VOC, anche quelli a bassa concentrazione.
  • Selettività: Può attaccare selettivamente i VOC, lasciando inalterati altri gas presenti nell’aria o nell’acqua.
  • Ecocompatibilità: Non utilizza prodotti chimici pericolosi e non produce sottoprodotti nocivi.
  • Bassa manutenzione: I filtri al biossido di titanio sono relativamente robusti e richiedono una minima manutenzione.

La filtrazione fotocatalitica può essere utilizzata in qualsiasi applicazione in cui sono richieste prestazioni elevate, domestica, industriale o per emissioni atmosferiche.

La perdita di carico è minima.

dove è efficace la filtrazione fotocatalitica

cos'è la filtrazione fotocatalitica

Fotosintesi
Fotosintesi
Fotosintesi
Fotosintesi

La maggior parte di noi conosce la fotosintesi clorofilliana. È il processo attraverso il quale le piante convertono l’acqua, i sali minerali e l’anidride carbonica dell’aria in sostanze nutritive, liberando ossigeno.

Questa trasformazione richiede due elementi: la clorofilla, un catalizzatore, e la luce, che fornisce l’energia per attivare la clorofilla (il termine fotosintesi deriva dalla parola greca “photo”, che significa “luce”).

Nella fotosintesi, la luce fornisce energia alla clorofilla, che la utilizza per creare carbonio (C) dalla CO2, idrogeno (H) dall’H2O, ossigeno (O) dall’O2 dell’aria e azoto (N) dal fertilizzante per formare CHON.

Nella filtrazione fotocatalitica, il biossido di titanio (TiO2), noto anche come pigmento bianco e nono minerale più comune del pianeta, sostituisce la funzione della clorofilla nella fotosintesi.

Come nella fotosintesi clorofilliana, i raggi UV (naturali o artificiali) attivano il biossido di titanio. Questo catalizzatore scompone le sostanze organiche assorbite dalla sua superficie nei loro elementi costitutivi: vapore acqueo, anidride carbonica e minerali.

In altre parole, la fotocatalisi scompone la sostanza inquinante in vapore acqueo, anidride carbonica e residui minerali.

Questo processo è particolarmente efficace nell’abbattimento degli odori.

La filtrazione fotocatalitica attivata dal biossido di titanio è quindi un modo semplice e naturale per invertire il processo di contaminazione, mantenere pulite le superfici e purificare l’aria. Una tecnologia potente per  distruggere microbi, composti organici volatili (VOC) e composti chimicamente attivi.

Per dare un’idea delle performance ottenibili con la filtrazione fotocatalitica si consideri che questa è in grado di distruggere anche particelle di 0,001 micron, mentre i filtri HEPA, comunemente utilizzati in campo medico, possono trattenere solo particelle di 0,3 micron.

Oltre ai filtri, le potenzialità della filtrazione fotocatalitica sono utilizzate anche in altre applicazioni quali gli asfalti mangia smog  e i vetri autopulenti (San Gobain Bioclean™, Pilkington Active™ e Sunclean™).

i limiti della fotocatalisi nella purificazione dell'aria

filtro cinese 2
Filtro Alibaba

Filtri trattati al biossido di titanio di produzione cinese reperibili su AliBaba.

Nonostante la scientificamente accertata efficacia, il successo commerciale dei prodotti filtranti basati sulla filtrazione fotocatalitica non è stato adeguato alle aspettative.

Proviamo a capire perché.

Le prime applicazioni di questa tecnologia sono state quelle basate sulle vernici fotocatalitiche applicate su superfici solide (pareti, mobili, etc.).

Queste applicazioni sono efficaci se l’obiettivo è quello di sanificare solo la superficie ma non sono idonee a depurare l’aria. Pensiamo ad una stanza completamente rivestita con vernice al biossido di titanio: solo la piccola parte dell’aria a contatto con le pareti verrà purificata.

I prodotti introdotti sul mercato come “filtri” con questa tipologia costruttiva, come i filtri in materiale ceramico o metallico verniciati con biossido di titanio, non superano tali limiti: essendo a maglie larghe, solo una piccola parte dell’aria viene a contatto con il biossido di titanio.

Inoltre, non soddisfano un requisito indispensabile: il tempo di contatto.

La fotocatalisi non è istantanea, ha bisogno di un tempo di contatto tra la sostanza inquinante e il catalizzatore, cosa che non si verifica nell’attraversamento di questa tipologia di filtri.

I filtri Depurex, invece, utilizzano una tecnologia che è in grado di sfruttare totalmente i benefici della filtrazione fotocatalitica.

Tecnologia innovativa per la purificazione dell'aria: i filtri fotocatalitici Depurex

Depurex ha sviluppato un media filtrante in tessuto-non-tessuto che contiene microsfere di carbonio ad alta efficienza. Il supporto è trattato con biossido di titanio con caratteristiche di nanomateriale, il che consente al trattamento di aderire uniformemente al tessuto senza alterarne la permeabilità.

Questa soluzione affronta le criticità non risolte da altri prodotti perché garantisce che tutta l’aria passi attraverso il filtro ed entri in contatto con il catalizzatore.

Gli inquinanti vengono trattenuti dalle microsfere di carbonio durante l’attraversamento, consentendo la fotocatalisi.

Quando viene esposto ai raggi UV, naturali o artificiali, il biossido di titanio innesca la fotocatalisi. Questo processo trasforma gli inquinanti in vapore acqueo e anidride carbonica, che evaporano, mentre i minerali rimanenti vengono trattenuti.

Depurex produce filtri a pannello e a cartuccia dal 2011. Questi filtri utilizzano la filtrazione fotocatalitica per ridurre i composti organici volatili nelle emissioni atmosferiche e nelle applicazioni di purificazione e sanificazione dell’inquinamento interno.

dal blog

emissioni in atmosfera
FILTRAZIONE FOTOCATALITICA

Abbattimento Solventi

Case Study di un impianto di abbattimento solventi con filtri fotocatalitici al biossido di titanio installato presso una industria cartografica di rilevanza europea.

LEGGI TUTTO >
Odori
FILTRAZIONE FOTOCATALITICA

Odor abatement: types and methods

Odor abatement is the process of reducing or eliminating unpleasant odors from an environment.

The perception of a bad odor should not be underestimated because it may not relate exclusively to the well-being aspect, namely perceived annoyance, but could be indicative of the presence of a pollutant in the air and therefore harmful to health.

LEGGI TUTTO >

Depurex progetta e produce filtri fotocatalitici trattati al biossido di titanio per l’abbattimento di composti organici volatili, di cattivi odori e la sanificazione dell’aria da virus e batteri.