Abbattimento Solventi

L’abbattimento solventi nelle emissioni in aria è una delle sfide che le industrie che utilizzano processi di stampa devono affrontare.

La purificazione delle emissioni atmosferiche provenienti dall’ambiente industriale sono una sfida sempre crescente, sia per i limiti imposti dalle normative che per la maggiore sensibilità “green” delle aziende che vogliono minimizzare il proprio impatto sull’ambiente.

PUSTERLA 1880 – player mondiale del packaging di lusso – è un azienda che presta la massima attenzione alla sostenibilità dei propri prodotti e processi, come dimostrano le numerose certificazioni ed il commitment etico.

D’altronde, il packaging di lusso richiede finiture raffinate che comportano l’uso di inchiostri e prodotti molto particolari e quindi necessitano di molta cura nell’abbattimento delle emissioni provenienti dagli impianti di stampa prima dell’immissione in atmosfera.

Il focus principale era sull’abbattimento solventi ma il limite riguardava i COV totali.  Complessivamente i requisiti dell’impianto richiesti dall’azienda erano:

  • costanza dimostrata nell’abbattimento dei COV entro i parametri prefissati e per la durata stabilita;
  • interventi di manutenzione programmabile, semplice e autonoma, senza creazione di polveri o sporco nell’ambiente di lavoro;
  • ingombro contenuto dell’impianto.


La scelta dell’azienda per raggiungere i propri obiettivi è stato un sistema basato sulla filtrazione fotocatalitica al diossido di titanio.

Con questa tecnologia, la depurazione avviene mediante fotocatalisi, per effetto della quale il biossido di titanio assorbe la luce ultravioletta (UV) e utilizza l’energia generata per scindere le molecole di VOC in composti più semplici e innocui, come anidride carbonica e acqua.

Vantaggi della filtrazione al biossido di titanio:

  • Efficacia: Può rimuovere una vasta gamma di VOC, anche quelli a bassa concentrazione.
  • Selettività: Può attaccare selettivamente i VOC, lasciando inalterati altri gas presenti nell’aria o nell’acqua.
  • Ecocompatibilità: Non utilizza prodotti chimici pericolosi e non produce sottoprodotti nocivi.
  • Bassa manutenzione: I filtri al biossido di titanio sono relativamente robusti e richiedono una minima manutenzione.


L’impianto Depurex è risultato soddisfare tutti i requisiti richiesto ed è stato definitivamente adottato dopo 6 mesi di test sul campo, durante i quali sono state effettuato le analisi periodiche che ne hanno confermato l’efficacia.

L’impianto è stato in funzione dal 2011 sino alla dismissione della linea di stampa, attiva mediamente per 12 ore al giorno; la sostituzione dei filtri ha avuto cadenza semestrale.

Abbattimento Solventi in impianto di stampa

Grafico Pusterla 1 1

Dati in mg/mc

Abbattimento solventi filtrazione fotocatalitica biossido di titanio

Per approfondire caratteristiche ed efficacia della filtrazione fotocatalitica al biossido di titanio, tra le tante fonti reperibili online, segnaliamo la tesi di laurea dell’ing Michele Coppa – Politecnico di Torino – Ingegneria Chimica e dei Materiali.

Depurex: soluzioni eco-sostenibili per la tutela dell'ambiente con la filtrazione fotocatalitica.

Depurex offre soluzioni innovative e all'avanguardia per la tutela dell'ambiente, utilizzando la tecnologia di filtrazione fotocatalitica. La nostra tecnologia aiuta le aziende a ridurre le emissioni inquinanti, abbattere i cattivi odori, risparmiare energia e migliorare l'immagine aziendale.
Contattaci oggi per saperne di più su come Depurex può aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di sostenibilità.
Picture of Stefano Marini

Stefano Marini

Condividi questo contenuto.

Facebook
Linkedin
WhatsApp
Email

Depurex progetta e produce filtri fotocatalitici trattati al biossido di titanio per l’abbattimento di composti organici volatili, di cattivi odori e la sanificazione dell’aria da virus e batteri.